• Gio. Mag 30th, 2024

La sclerosi multipla di Giorgio, il ricovero, la separazione e il cane Pablito che dorme nel suo letto

Giorgio, nome di fantasia, mio paziente, ha ventotto anni e soffre di sclerosi multipla. Una malattia demielinizzante che lo obbliga a frequenti ricoveri, tagliandi salute, flebo di cortisone ricorrenti, risonanze e disagi ingravescenti.

Giorgio però ha un segreto. Ha un amico fedele a cui è profondamente legato: il suo amico a quattrozampe Pablito, un meticcio di grossa taglia dal carattere mite e gentile e dal pelo fulvo e fluente.

Il quattrozampe è un trovatello che ha ricambiato il divano di casa, i pasti quotidiani e il grande cuore di Giorgio con altrettanta gratitudine e affettuosità.

L’incontro
Pablito è entrato a far parte della vita di Giorgio e della sua famiglia in una giornata di pioggia estiva. Durante uno di quegli acquazzoni impetuosi e inaspettati di agosto, Giorgio stava andando a Taormina per fare una passeggiata con i suoi amici del cuore. Ad un certo punto, una pioggia copiosa li ha costretti a fermarsi perché l’autostrada poteva diventare particolarmente pericolosa (da quando Giorgio si è ammalato di sclerosi multipla è diventato più prudente. Aveva promesso alla madre che avrebbe avuto cura della sua salute e della sua incolumità, e che non avrebbe mai fatto vincere la malattia e la depressione).

Giorgio si ferma in una stazione di servizio per aspettare che passi il temporale. In quella stazione buia e inondata di acqua piovana incontra Pablito che vagava affamato e inzuppato, e decide di portarlo a casa con sé.

Da quel momento non si sono mai più lasciati: giocano insieme, vanno al parco, puliscono casa – Pablito ama inseguire l’aspirapolvere e mordere l’aria – , andare al mare e fare tutto quello che è possibile fare l’uno in compagnia dell’altro.

La fame di vita e la voglia di star bene che caratterizzano le giornate di Giorgio contagiano Pablito, e l’energia e la gratitudine di Pablito influiscono sul benessere psicofisico di Giorgio.

Il ricovero, la separazione
L’unico momento in cui Giorgio e Pablito sono costretti a separarsi è quando la sclerosi multipla si fa sentire. Quando la malattia torna a bussare prepotente alla porta della vita di Giorgio e lo costringe al ricovero.

La mamma di Giorgio è preoccupata per la salute del figlio e per le reazioni del loro amato quattrozampe. Ogni qualvolta Giorgio si allontana per un ricovero è come se Pablito lo avvertisse anzitempo. Come se riuscisse a capire che dentro quel distacco c’è insita una minaccia. Inizia ad essere triste, a sostare dinanzi alle scale di casa in attesa di vederlo apparire. Non scodinzola più quando vede il guinzaglio. Non chiede di uscire e non chiede attenzioni. Rifiuta la ciotola.

E ogni sera, quando tutti vanno a dormire, sgattaiola su per le scale, si intrufola di soppiatto nella stanza di Giorgio e va a dormire nel suo letto.

Soltanto così sembra trovare conforto.

Una storia che meritava la condivisione ( fonte La Stampa.it ).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *