• Gio. Feb 22nd, 2024

Come questi cani a due zampe ispirano gli esseri umani a imparare a convivere con le amputazioni

Durante le loro visite settimanali a un ospedale di riabilitazione nell'area di Filadelfia, Cyrus, Lucky e Deuce mostrano cosa è possibile fare.

Domenick Scudera visita il Bryn Mawr Rehab Hospital quasi ogni settimana. Lo fa dal 2010, portando con sé uno dei suoi tre cani, ognuno dei quali è un cane da terapia . 

La terapia assistita con animali non è una novità, ma l’ospedale ospita il programma di trattamento e riabilitazione degli amputati e ciascuno dei cani di Scudera ha solo due gambe. Con l’aiuto di Scudera, Cyrus, Lucky e Deuce hanno vissuto una vita divertente e amorevole, mostrando ciò che è possibile fare agli umani che visitano. 

“È meraviglioso ed è quasi sempre lo stesso”, dice Scudera a Daily Paws. “La gente dirà la stessa cosa. Dirà: ‘Se lui può farlo, posso farlo anch’io.’ Me lo dicono continuamente.”

Come alcuni dei pazienti che visitano, Lucky, che ha solo le zampe anteriori, e Deuce, che ha solo le gambe sul lato destro, hanno subito terribili incidenti che hanno portato a interventi chirurgici invasivi. (Cyrus, lo statista più anziano del trio, ha solo le gambe posteriori.) Anni dopo, forniscono conforto e ispirazione.  

La storia delle origini del trio

Circa 12 anni fa, Scudera, professore di teatro all’Ursinus College fuori Filadelfia, possedeva Festus, un cane a tre zampe. Era anche un cane da terapia, visitava i pazienti del Bryn Mawr e dell’ospedale pediatrico di Filadelfia. 

Quando Festus invecchiò, Scudera iniziò a cercare un altro cane. Questo cucciolo sarebbe stato addestrato anche come cane da terapia e Scudera ne cercava uno che non avesse quattro zampe perché sapeva quanto significasse per i pazienti vedere cani disabili vivere una vita sana.  

Ha visto Cyrus trasandato online dopo che il piccolo mix di terrier era stato abbandonato in un rifugio per animali. Presto la Scudera volò in California per adottare il piccoletto.  

Ora Scudera è facilmente identificato come il principale papà cane a due zampe. Lucky, che ha circa 8 anni, viene dall’Egitto. 

Una persona del posto di nome Marwa Elgebaly lo ha trovato in una strada del Cairo dopo che probabilmente era stato investito da un’auto. Deuce, di circa 5 anni, è stato trovato in un fosso del Kentucky con la gamba sinistra rotta e infetta. (I raggi X hanno rivelato schegge, quindi potrebbe essere stato colpito da colpi di arma da fuoco, anche se Scudera non saprà mai la vera causa delle sue ferite.) 

A casa i tre cani sono come normali animali domestici, ognuno con la propria personalità. Il vecchio Cryus è il cane con velcro a cui piace quando Scudera lo trasporta come un pallone da calcio e non gli piace quando suo padre esce per rispondere alle domande di un editore di Daily Paws.

Lucky non resta quasi mai senza energie, tanto che uno degli amici di Scudera dice che avere due gambe è l’ultimo dei suoi problemi. Ama muoversi e indagare su tutto. Il suo migliore amico, Deuce, è calmo, gentile e più disposto a sedersi quando gli viene detto. 

Inoltre, in modo impressionante, cammina senza problemi. La sua andatura è così inalterata che la gente non sempre si accorge che ha solo due gambe, dice Scudera. 

Per lui, prendersi cura del suo trio non è stato poi così diverso dal prendersi cura dei tipici cani a quattro zampe. La distinzione principale, ai suoi occhi, è come deve aiutare Lucky ad andare in bagno perché non sente nulla dalla vita in giù. Ma ormai fa solo parte della routine. 

“I cani disabili sono difficili da collocare, ma se ne adotti uno, la ricompensa di avere un cane diverso è grandiosa”, afferma Scudera. “Si guadagna così tanto avendo un cane diverso.”   

Come la maggior parte dei proprietari di cani, riceve amore e gioia ogni giorno dai suoi cuccioli. Ma c’è anche un aspetto sociale. Sono tutte celebrità in passeggiata, con la gente che si ferma per incontrarli e parlare con Scudera. 

“Mi coinvolge un po’ di più con il mondo”, dice. 

‘Pieno di felicità’

Poi c’è l’importante lavoro che svolgono in ospedale. Liebsch, che supervisiona un programma separato per cani da terapia presso Bryn Mawr, afferma che i pazienti apprezzano molto vedere un cane nell’ambiente di riabilitazione. Spesso restano lì per settimane o mesi, lontani dai propri animali. 

“I cani sono semplicemente pieni di felicità”, dice. “… Potrebbe essere il momento clou della loro giornata.” 

I cani della Scudera si adattano senza dubbio a questa descrizione. Una volta un paziente che aveva perso entrambe le gambe avvolse semplicemente le braccia attorno a uno dei cani (Scudera non ricorda quale) e rimase seduto così a lungo, godendo chiaramente di un senso di sollievo senza dire nulla. 

Cyrus accompagnò Scudera anche all’ospedale pediatrico, dove visitarono un bambino che non parlava. Durante una visita, al bambino era stata data una tastiera parlante in modo che potesse esprimere i suoi pensieri.       

“Ha digitato qualcosa del tipo: ‘Adoro Cyrus'”, dice Scudera. 

I suoi cani non fanno la differenza solo con i pazienti. Ha ricevuto messaggi da altre persone ispirate che hanno deciso di adottare cani come il suo. Gli scalda il cuore. 

“Odio pensare che ci siano cani bisognosi da qualche parte e nessuno li vuole.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *