• Ven. Giu 9th, 2023

Gatti neri e Halloween: perché sono in pericolo?

Durante questa “festa” considerata non soltanto di folklore, vengono ancora celebrati riti satanici sacrificando animali e il felino dal manto scuro è il più frequente.

Da dove nasce la superstizione popolare sui gatti neri

Sin dai tempi antichi questi predatori sono al centro della superstizione popolare, a causa della loro abilità nel muoversi nel buio con sicurezza e la capacità di passare inosservati nell’oscurità. Caratteristiche naturali che permettono al gatto di cacciare i piccoli animali di cui si nutrono, ma che nei secoli ha alimentato leggende legate alla loro attività nelle tenebre.

Il nero del mantello rendeva difficile individuarli e capitava sovente di vederseli sbucare all’improvviso davanti. Un aspetto che nel passato, con le fioche lampade ad olio e le candele che si usavano per illuminare, era accentuato. Questa luce irregolare inoltre causava ombre deformate rispetto all’immagine che potevano quindi diventare inquietanti. Un loro improvviso attraversamento o gli occhi gialli penetranti potevano spaventare i cavalli che si imbizzarrivano causando incidenti di cui gli innocenti felini erano incolpati. Probabilmente è questo il motivo per cui è nata la superstizione sul gatto nero che attraversa la strada e porta sfortuna, nutrendo la convinzione che gli stessi animali fossero controllati dal demonio.

Leggi intero articolo 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *