• Dom. Lug 14th, 2024

Gatto randagio trova un tiragraffi nella spazzatura: la sua reazione commuove il web

Un lusso inaspettato, un ricordo di una vita precedente che parla di casa, di sicurezze e di una ciotola sempre piena pronta ad aspettarti.

È impossibile non rimanere toccati davanti a un gatto randagio, sporco e arruffato, che dorme profondamente su un vecchio tiragraffi buttato nella spazzatura. Una scena che avrebbe spezzato il cuore di chiunque, a partire dalla stessa persona che aveva gettato quell’oggetto. Per il suo gatto domestico ne aveva comprato uno nuovo, e l’altro lo aveva lasciato nel vialetto in attesa del camion della spazzatura. Mai si sarebbe immaginata che uno dei gatti randagi del quartiere lo avrebbe scelto come rifugio: un caldo nascondiglio dove passare la notte.

A raccontare questa storia sono le immagini del video pubblicato su TikTok (@mmikwwann). La ragazza si avvicina con cautela per non spaventarlo, filmando l’incontro e le tanto desiderate coccole. Il gatto color zenzero si è goduto ogni singolo momento di affetto, mostrando la sua familiarità con gli esseri umani e una vita domestica che, per quanto lontana, non ha mai dimenticato. Ha trovato conforto in piccoli frammenti di una vita che una volta conosceva.

“Per alcuni è spazzatura, per altri è felicità…”, ha commentato la donna, testimoniando la triste realtà che vivono alcuni randagi e non rimanendo indifferente alla loro situazione. Non ha adottato il micio, ma si sta prendendo cura di lui: ha messo una cuccia nel suo cortile, dove il gatto può trascorrere la notte, e non gli fa mai mancare una ciotola di cibo, di cui spesso approfittano anche altri randagi. Lei vive già con un gatto, anch’esso salvato dalla strada e da una condizione di abbandono molto simile.

“Abbiamo un bellissimo cortile e qui tutti adorano i gatti. Sono sempre nutriti e cerchiamo di monitorare le loro condizioni di salute. Io stessa ho preso la mia gatta dalla strada quando si è ammalata e ho cercato di salvare almeno una vita,” ha scritto, denunciando un numero crescente di abbandoni dalle case di campagna dei dintorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *