• Gio. Feb 22nd, 2024

Scatta il divieto di importazione di animali esotici catturati in natura: ecco la lista delle specie permesse in Italia

La Gazzetta Ufficiale di ieri, 28 ottobre, salva ben un milione e duecentomila animali che ogni anno venivano strappati al loro habitat e introdotti nelle case italiane

Pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale il Decreto dei Ministri Speranza e Cingolani che ha previsto una stringatissima “lista positiva” delle specie importabili in Italia: si tratta solo di sei pesci a fronte delle oltre 250mila esistenti, che potranno continuano ad essere commerciate anche se “wild”, viste le indicazioni scientifiche dell’Ispra, l’Istituto Superiore per la Protezione Ambientale.

Da ieri è quindi operativo il divieto di importare animali selvatici esotici catturati in natura previsto dalla recente Legge 135. “Sono così salvi ben un milione e duecentomila animali. Questo il numero di vite che ogni anno sono state prelevate a forza dalle foreste di Paesi tropicali così come da ambienti naturali africani, come il pipistrello della frutta, e portate contro la loro natura in Italia in gabbie, vaschette e teche per essere trasformati in innaturali animali cosiddetti da compagnia” – commenta Gianluca Felicetti, Presidente della Lav, l’associazione che si è battuta negli scorsi mesi con la campagna chiamata #acasaloro.

Questo divieto è un altro passo avanti dopo quello dell’integrazione della Costituzione con i principi fondamentali della tutela della biodiversità, degli ecosistemi e degli animali, che oltre ad essere un passaggio fondamentale per i valori etici lo è anche per la protezione della salute pubblica in quanto limita la diffusione di zoonosi e la circolazione di virus pericolosi.

Questo provvedimento ha inoltre evitato un lungo elenco di eccezioni per il divieto che avrebbe compreso, fra le altre, tutte le specie di pesci, anfibi e rettili, ovvero del 95% delle specie fino a ieri ingabbiate in natura per negozi e commercianti italiani.

I pesci di cui è consentita l’esportazione sono: Western tubenose goby (Proterorhinus semilunaris) Nudibranchio pigiama (Chromodoris quadricolor) Doctorfish (Acanthurus chirurgus), Blue tang surgeonfish (Acanthurus coeruleus), Yellowbar angelfish (Pomacanthus maculosus), Yellowtail tang (Zebrasoma xanthurum).

Leggi intero articolo 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *